di Raimundo Panikkar

Raimundo Panikkar

Perché l’esperienza di un piccolo principe fatta oltre duemilacinquecento anni fa è ancora oggi così viva? Quale segreto si nasconde dietro questa figura? Dalla voce di un grande del dialogo interreligioso una breve ma precisa storia del Buddha e del Buddhismo, che avvince e affascina.

Questo articolo è anche disponibile come file unico in formato PDF

Un bel giorno, di buon mattino, un giovane principe che non era delle Asturie né della casa di Davide, ma di un piccolo clan che viveva a fianco delle montagne più alte del mondo da una parte e la piana del Gange che già da mille anni era un punto d’incontro di civiltà dall’altra, dopo anni di lotta e di dubbi, (non oltre la metà del VI secolo a.C.) fece un colpo di testa e andò a prendere Kanthaka, il suo grande cavallo bianco preferito, e Channa, il suo servitore personale, per uscire dalle porte del castello del regno di suo padre lasciando un bambino piccolo (suo figlio) e la principessa (la sua sposa), per provare a risolvere i problemi che fin dall’età di sei anni lo tormentavano. Passato il fiume che segnava il confine del suo regno e di quello di suo padre, si liberò anche del servitore e del suo cavallo bianco preferito, si cambiò d’abito, prese una ciotola da mendicante e si incamminò, senza sapere dove andare.

» Una predisposizione precoce

Se volete, lasciate un commento.

You must be logged in to post a comment.

Archivi