Generali


Oggi, in Italia, è sufficiente pagare una tassa per avere il diritto di uccidere gli animali del cielo, del bosco, del fiume. Non solo: quella tassa dà anche il diritto di entrare, armati, nei fondi privati, superando le recinzioni (se non sono a “norma anticaccia” e dotate di appositi cartelli), sino alle aie delle case agricole, senza nemmeno dover chiedere “permesso?”.

La quantità di sofferenza gratuita (non è più il tempo in cui si cacciava per necessità alimentare) provocata dai (circa) 600 mila cacciatori italiani è grande: questo 0,9% di italiani (coccolati per i loro voti da molti partiti, nonché dalle fabbriche di armi) uccide ogni anno più di 300 milioni di animali (avete letto bene: 300 milioni), lasciandone feriti quasi altrettanti. Spargendo nei boschi, nei laghi, 1.750 tonnellate annue di piombo sotto forma di pallini. Per non parlare dei cosiddetti “incidenti di caccia” che, ogni anno, provocano morti e feriti tra gli stessi cacciatori e tra gli escursionisti.
Ecco i motivi di questo scritto e del perché ho firmato (on line, con un costo di registrazione di 1€+IVA) la richiesta del referendum volto a limitare o contenere quello che considero un feroce retaggio del passato.
Chissà che Papa Bergoglio, questa volta, non dica una parola chiara sulla posizione della chiesa riguardo al comandamento “non uccidere”. Significa forse “non uccidere gli umani e, per tuo divertimento, fai pure strage degli altri viventi”?

L’ombra della sovranità. Da Hobbes a Canetti e ritorno, di Luigi Alfieri* (Treccani 2021. 141 pp., 15€)
La prima ‘cosa’ che mi ha impressionato del libro del prof. Alfieri, che è un amico di chi scrive, è la precisione: in alcune pagine ho avuto l’impressione di leggere un trattato di geometria. I ragionamenti lucidi, precisi che arrivano a una conclusione limpida e univoca, il lessico perfetto, le incidentali senza sbavature. Tutto questo condito da una leggera, pervasiva forma di umorismo, che solo qui e là affiora esplicitamente e si mostra.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è images.jpeg


L’altro elemento che ho notato, nello scorrere degli argomenti, è stata l’autorevolezza. Per paragonare e distinguere la visione di pensatori di tale portata, occorre padroneggiare la materia come un pianista la sua tastiera: bisogna ben sapere il senso di ogni cosa che fu detta, per sapere che cosa si sta dicendo. Per nulla facile, vista l’impalpabilità della materia, che passa dalla politica alla sociologia dalla religione all’antropologia, con una fluidità terribile, e senza mai perdere il punto.
Di tanto in tanto, durante la lettura, mi sono chiesto, però: «Con tutto questo lavorio, fatica, applicazione, dove ci sta portando il prof. Alfieri, dove vuole arrivare?». Parte della risposta l’ho trovata nella penultima pagina: “O la politica è religione, anche solo religione civile, o non è”.
Un’altra conclusione, che mi pare dimostrata ed esplicitata lungo il percorso, provo a riassumerla io, a mio modo: “Aridàtece er puzzone!”.
Che, naturalmente, non riguarda (solo) Mussolini (o i Talebani)**, ma ogni sovranità nata nella/dalla “procedura”.
La pretesa di conquistare il potere con la forza e quindi (ed è proprio su questo ‘quindi’ che casca l’asino) conquistare così anche la sovranità, è la cifra dei nuovi e dei vecchi barbari.
Questo libro andrebbe letto non solo per ciò che dice, sapendo che, però, è molto specialistico (il ché non vuol dire automaticamente ‘difficile’), ma anche per il come: è così che si scrive un libro.

*Dalla quarta di copertina: Luigi Alfieri (Siracusa 1951) è professore ordinario di Filosofia politica nell’Università di Urbino Carlo BO, dove insegna anche Antropologia politica e Antropologia del pluralismo religioso. Sì è occupato di Nietzsche, Hegel, Girard, Canetti. Si interessa particolarmente della dimensione simbolica della politica, della costruzione delle identità collettive, della violenza di massa. Tra le sue ultime pubblicazioni: La stanchezza di Marte. Variazioni sul tema della guerra (Morlacchi, 2012) e, in collaborazione con D. Scalzo e altri, Vivere il tempo che uccide (Argalia, 2020).

**”Il potere della sovranità è lo stesso, chiunque ne sia il depositario”, dice Hobbes a p. 50.

Ora anche luglio ha il suo Bz. Nulla è in ritardo, ogni cosa ha il suo tempo. Il ritardo è per chi aspetta.
Questa volta Bz ci mostra il noi che siamo, mentre pensiamo di essere quel che immaginiamo.
Certo, è facile vedere una zanzara (o un vicino) come un disturbo che ci distoglie. Più difficile vedere le occasioni di pratica dove sono. Altrimenti samsara e nirvana si allontanano, e resta solo samsara.
Poi, sarebbe bello (forse) se il buddismo risolvesse tutti i problemi, anche il dilemma tra vax e no-vax per esempio. Invece esiste solo per risolverne uno, solo uno.
Negli altri casi: RTFM
Il Dhammapada, per es. Oppure l’Ottuplice.

Marzo sta finendo? Nooo, non può finire senza che Bz abbia detto la “sua”.
Ma ora sì che la primavera può finalmente iniziare.

Questa volta, chissà perché, Bz si muove tra ossimoro e … Liguria.
Per chi abbia frequentato le genti di quella regione, non è una novità che esse cerchino di non essere coinvolte nei “fatti altrui”. Bz pare ipotizzare che persino un bodhisattva, se ligure, potrebbe cedere proprio al mood contrario alla proverbiale natura aperta del suo ruolo. L’atmosfera ligure è richiamata non solo dalla parola dal sen fuggita (benché abituale nella “lingua” di quella regione) nel fumetto, ma anche dal titolo del secondo quadro: a l’è i-na bugna, che nella ridente provincia di Savona, e non solo, sta per “è proprio una cretinata”.

Buona Pasqua dalla Stella

Lo scorso ottobre, per commemorare il decimo anniversario della scomparsa di Raimon Panikkar, la Jaca Book ha pubblicato un testo apposito, contenente 13 saggi, collegati l’un l’altro dal medesimo tema: il simbolo.

È un testo impegnativo del quale, qui di seguito, forniamo una breve recensione

Nel frattempo, la Fundació Vivarium Raimon Panikkar, in collaborazione con la Casa Editrice della edizione dell’Opera Omnia nella rispettiva lingua, ha istituito un premio, anche in denaro, per chi redigerà quello che, in ciascuna lingua, sarà ritenuto il miglior saggio originale e inedito sul pensiero e le opere di Raimon Panikkar. Trovate qui il poster che illustra l’iniziativa, con di seguito il bando con la normativa per la partecipazione.

Fago, prolifico autore di Bz, nella solitudine tra i monti dove medita su quel che non si sa, ha prodotto il ‘numero’ di fine/inizio d’anno di Bz.

Per una volta serio, pur nell’ironia: i temi sono quel vuoto che non è nulla e lo zad.

Tutti coloro che fanno zz sanno che sedersi in zz non è come svenire, o come perdersi in braccio a Morfeo. Perciò, quando si parla di vuoto, non si intende ‘nulla’, ma vuoto di quel che c’era. Prima c’era qualche cosa e poi non c’è più. Per questo si dice ‘vuoto’.

Lo zad è figlio dell’era della digitalizzazione di massa; unirsi, tramite l’etere, nel sedersi. Certo, può accadere che, sentita la campana, si approfitti della copertura della distanza per dedicarsi a tutt’altro. Persino all’improbabile ascolto di una vecchia canzone, come La luna è una lampadina, di Iannacci.

Buon anno a tutti dalla Stella

Cari voi, con un poco di anticipo sui tempi canonici, ecco un piccolo regalo della Stella. Un usato-sicuro, che spero sia gradito.
Nell’oramai lontano 2002, usciva per la casa editrice Marietti un libretto intitolato Intelligenza volse a settentrione, umorismo e meditazioni buddiste.
Ingenuo e baldanzoso, insieme.

Il tempo passò, l’autore, invecchiato, persa ingenuità e baldanza non si riconosceva in quello spirito un poco guascone. Così è nata una nuova edizione, interamente rielaborata, pubblicata solamente on line, gratuita, che potete scaricare sia in formato pdf sia in formato ePub, nella pagina Libronline.
Maurizio ha accuratamente lavorato all’edizione del testo, occupandosi poi dell’impaginazione e della copertina, Christian ha prodotto la versione ePub.

C’è un’altra piccola novità: in questa pagina trovate i link per unirvi ad una nuova (per noi) iniziativa: lo zad, zazen a distanza. A causa delle chiusure e delle restrizioni dovute alla pandemia, la maggior parte dei luoghi in cui si pratica zazen è chiusa. Certo possiamo fare zazen a casa, da soli, ma a volte è difficile mantenere costanza e concentrazione. Oppure, carichi di anni e di acciacchi, non siamo più in grado di uscire per unirci agli altri … Ecco allora lo zad: zazen assieme, nello stesso tempo, in luoghi diversi.

Lo zad è un aiuto in un momento particolare, non è la norma. Sedersi regolarmente da soli (o in compagnia) è la cosa migliore.

Pagina successiva »

Questo sito utilizza cookies per permettere la navigazione di base e l'autenticazione utente. Inoltre viene tenuto conto delle visite tramite Google Analytics. Nessun dato viene condiviso con soggetti terzi. View more
Cookies settings
Accetta
Rifiuta
Privacy & Cookie policy
Privacy & Cookies policy
Cookie name Active

Privacy Policy

What information do we collect?

We collect information from you when you register on our site or place an order. When ordering or registering on our site, as appropriate, you may be asked to enter your: name, e-mail address or mailing address.

What do we use your information for?

Any of the information we collect from you may be used in one of the following ways: To personalize your experience (your information helps us to better respond to your individual needs) To improve our website (we continually strive to improve our website offerings based on the information and feedback we receive from you) To improve customer service (your information helps us to more effectively respond to your customer service requests and support needs) To process transactions Your information, whether public or private, will not be sold, exchanged, transferred, or given to any other company for any reason whatsoever, without your consent, other than for the express purpose of delivering the purchased product or service requested. To administer a contest, promotion, survey or other site feature To send periodic emails The email address you provide for order processing, will only be used to send you information and updates pertaining to your order.

How do we protect your information?

We implement a variety of security measures to maintain the safety of your personal information when you place an order or enter, submit, or access your personal information. We offer the use of a secure server. All supplied sensitive/credit information is transmitted via Secure Socket Layer (SSL) technology and then encrypted into our Payment gateway providers database only to be accessible by those authorized with special access rights to such systems, and are required to?keep the information confidential. After a transaction, your private information (credit cards, social security numbers, financials, etc.) will not be kept on file for more than 60 days.

Do we use cookies?

Yes (Cookies are small files that a site or its service provider transfers to your computers hard drive through your Web browser (if you allow) that enables the sites or service providers systems to recognize your browser and capture and remember certain information We use cookies to help us remember and process the items in your shopping cart, understand and save your preferences for future visits, keep track of advertisements and compile aggregate data about site traffic and site interaction so that we can offer better site experiences and tools in the future. We may contract with third-party service providers to assist us in better understanding our site visitors. These service providers are not permitted to use the information collected on our behalf except to help us conduct and improve our business. If you prefer, you can choose to have your computer warn you each time a cookie is being sent, or you can choose to turn off all cookies via your browser settings. Like most websites, if you turn your cookies off, some of our services may not function properly. However, you can still place orders by contacting customer service. Google Analytics We use Google Analytics on our sites for anonymous reporting of site usage and for advertising on the site. If you would like to opt-out of Google Analytics monitoring your behaviour on our sites please use this link (https://tools.google.com/dlpage/gaoptout/)

Do we disclose any information to outside parties?

We do not sell, trade, or otherwise transfer to outside parties your personally identifiable information. This does not include trusted third parties who assist us in operating our website, conducting our business, or servicing you, so long as those parties agree to keep this information confidential. We may also release your information when we believe release is appropriate to comply with the law, enforce our site policies, or protect ours or others rights, property, or safety. However, non-personally identifiable visitor information may be provided to other parties for marketing, advertising, or other uses.

Registration

The minimum information we need to register you is your name, email address and a password. We will ask you more questions for different services, including sales promotions. Unless we say otherwise, you have to answer all the registration questions. We may also ask some other, voluntary questions during registration for certain services (for example, professional networks) so we can gain a clearer understanding of who you are. This also allows us to personalise services for you. To assist us in our marketing, in addition to the data that you provide to us if you register, we may also obtain data from trusted third parties to help us understand what you might be interested in. This ‘profiling’ information is produced from a variety of sources, including publicly available data (such as the electoral roll) or from sources such as surveys and polls where you have given your permission for your data to be shared. You can choose not to have such data shared with the Guardian from these sources by logging into your account and changing the settings in the privacy section. After you have registered, and with your permission, we may send you emails we think may interest you. Newsletters may be personalised based on what you have been reading on theguardian.com. At any time you can decide not to receive these emails and will be able to ‘unsubscribe’. Logging in using social networking credentials If you log-in to our sites using a Facebook log-in, you are granting permission to Facebook to share your user details with us. This will include your name, email address, date of birth and location which will then be used to form a Guardian identity. You can also use your picture from Facebook as part of your profile. This will also allow us and Facebook to share your, networks, user ID and any other information you choose to share according to your Facebook account settings. If you remove the Guardian app from your Facebook settings, we will no longer have access to this information. If you log-in to our sites using a Google log-in, you grant permission to Google to share your user details with us. This will include your name, email address, date of birth, sex and location which we will then use to form a Guardian identity. You may use your picture from Google as part of your profile. This also allows us to share your networks, user ID and any other information you choose to share according to your Google account settings. If you remove the Guardian from your Google settings, we will no longer have access to this information. If you log-in to our sites using a twitter log-in, we receive your avatar (the small picture that appears next to your tweets) and twitter username.

Children’s Online Privacy Protection Act Compliance

We are in compliance with the requirements of COPPA (Childrens Online Privacy Protection Act), we do not collect any information from anyone under 13 years of age. Our website, products and services are all directed to people who are at least 13 years old or older.

Updating your personal information

We offer a ‘My details’ page (also known as Dashboard), where you can update your personal information at any time, and change your marketing preferences. You can get to this page from most pages on the site – simply click on the ‘My details’ link at the top of the screen when you are signed in.

Online Privacy Policy Only

This online privacy policy applies only to information collected through our website and not to information collected offline.

Your Consent

By using our site, you consent to our privacy policy.

Changes to our Privacy Policy

If we decide to change our privacy policy, we will post those changes on this page.
Save settings
Cookies settings