Del settimo sigillo e dintorni

I buddisti (“gente idola”, già diceva Marco Polo settecento anni or sono) spesso sostengono che il futuro non esiste poiché, al pari del passato, è solo immaginato. E quando si presenta lo può fare solo in quanto presente; quindi lui, il futuro, è comunque estraneo, non ha permesso di soggiorno nella realtà agìta e vissuta; quella vera, fatta di sudore e di fatica. Ora, se ci fate caso, per dire tutte queste belle cose, dobbiamo essere vivi: non ho mai visto né sentito di nessuno che, non vivo, ossia già bello che morto, andasse sproloquiando di futuri e di presenti. Per cui noi (io che scrivo, voi che mi leggete) dobbiamo essere vivi. Io nel momento in cui scrivo, voi nel momento in cui leggete. Se ora (ciascuno nel suo ora) siamo vivi, è normale dare per scontato che moriremo. Oddìo l’ho detto; ma solo così, per dire: non è cambiato nulla, niente di diverso da come era già.

Nere le foglie, foto di Lu

E questo, ossia che moriremo, è altrettanto sicuro quanto il fatto che siamo vivi. Infatti è proprio la condizione di “vivi” che ci concede il lusso di sapere con certezza che moriremo: uno degli assiomi più tranquilli da sempre è: chi vive morirà. Però sino a che siamo vivi non possiamo essere contemporaneamente morti. Altrimenti sarebbe, quantomeno, un pasticcio; non si saprebbe più che senso hanno le parole e patapìn e patapàn… Perciò proprio nel dire “siamo vivi!” escludiamo che siamo morti, che è già un bel sollievo. E questo, cioè “siamo vivi”, lo possiamo dire in qualsiasi momento: purché sia un presente (tralasciamo le registrazioni audio ascoltate dopo la dipartita dell’autore e simili…). Questo vuol dire che se nel presente ci siamo noi non ci può essere morte: se ci fosse non potremmo dire “siamo vivi”. Ora, se la morte è sicura e contemporaneamente non può essere del presente, può essere solo del passato o del futuro. Scartiamo il passato perché non siamo in un film di fantascienza. Allora, se la morte può essere solo del tempo futuro e noi siamo sicuri della morte, è la morte che ci garantisce la certezza dell’esistenza del futuro. Perciò è proprio grazie alla morte che possiamo fare progetti e sposarci e tutta la manfrina, perché sino a che non siamo morti siamo sicuri di avere un futuro: tutto il tempo che ci separa dalla morte. Ovvero, il nostro tempo-vita più “ricco” (è ancora vergine, vuoto: può portarci la fortuna la felicità la salvezza dai buddisti, qualsiasi cosa) lo abbiamo e lo avremo grazie alla morte. Ossia grazie al fatto che la Nera Signora non c’è. Se ci fosse: addio futuro. E anche addio presente. Ma nella realtà di quel caso il problema non si pone; infatti nel momento in cui c’è morte non ci siamo più noi, e penso si possa supporre che in nostra radicale assenza, l’accadere di qualsiasi cosa, anche lo spadroneggiare della Nera Signora, non ci disturberebbe affatto.

mym