Le Edizioni Paoline hanno appena ri-pubblicato uno dei testi più preziosi della spiritualità antica, gli “Stromati” di Clemente di Alessandria, scritti agli inzi del III secolo d.C. La nuova edizione è arricchita da una bibliografia aggiornata, da un’introduzione a cura del massimo esperto attuale sul tema, e da 4 Indici (biblico, dei nomi antichi, dei nomi moderni, analitico).

Eccoci qua

Clemente, personaggio poco noto ma che fu addirittura il maestro di Origene, è una delle menti più ampie e più ecumeniche della teologia. Tra l’altro, più volte negli Stromati compaiono riferimenti ai buddisti, anzi si trova anche esplicitamente citato il nome “Budda”, cosa rarissima nella storia del cristianesimo antico; e sempre con apprezzamento del loro stile di vita monastico.

Dario Rivarossa