Come sapete, sin dalla formazione in questo blog c’è una pagina intitolata Ricerca testi tradotti nella quale è possibile trovare, in inglese o italiano, le traduzioni di alcune migliaia dei testi più significativi della letteratura buddista indiana, cinese e giapponese. Recentemente CDM, il curatore della pagina, l’ha arricchita

493857_0.jpg

di una nuova possibilità: i testi in lingua originale, ovvero le versioni nella lingua dalla quale sono state redatte le traduzioni in lingue a noi più comprensibili.
Ora, tra le versioni originali, è possibile consultare addirittura l’intero Canone Pali in ben quattro diverse stesure: mūla o fondamentale, atthakatha per lo più composta da commentari redatti da Buddhagosha nel V secolo, tīkā o sub-commentari e anya ossia “le altre” (versioni). Migliaia di testi in pali romanizzato a vostra disposizione.
Nella foto, una delle 1460 steli della pagoda Kuthodaw in Birmania sulle quali è inciso il Canone.