ottobre 2012


Due anni ed una settimana or sono se ne andava da questo mondo Daido. Persona importante nel mondo in cui è vissuto, tassello imprescindibile nel fare il futuro che oggi è. Un bugiardo matricolato, buono, dal cuore grande. Ma tutto è nulla, sbiaditi i

ricordi, rimarginate le ferite, tutto sparisce nel gorgo. Quello che resta oggi e che, forse, sarà anche domani, è che primo fra tanti colse -quasi al volo- la possibilità dello zazen e non smise mai di offrirla. Con tutti i suoi difetti, non smise mai di offrirla. Molti invece, con meno difetti, affidabili, mai fedifraghi: di zazen… pochino e quanto ad offrirlo a tutti …

Usiamo oggi, per la prima volta qui, il logo della Stella. Grazie a Doc, FdB e Carlo per la realizzazione

Convenuti dal monte e dal piano …
Il convegno-seminario di Urbino è stato un successo, nei numeri e nella qualità. La sala stracolma, una grande attenzione, presenze da, quasi, tutta Italia (Roma, Livorno, Torino, Reggio Emilia, Rimini, Ancona, Fano). Ottimi interventi, una discussione finale ha qualificato l’evento come vissuto.

Grazie soprattutto a chi ha contribuito senza apparire: Fabrizio e Alessandro in primis. Con ugual gratitudine: Giovanni, Verena e Irena. Naturalmente Jiso, apposta da Parigi, Patrizia Gioia venuta da Milano. Il professor Alfieri senza il quale nulla sarebbe possibile. E poi gli studenti dell’Università di Urbino, nelle cui vite è entrata una folata di follia: quella del Diamante ovvero della possibilità che il paradiso non sia solo un sogno.

Inusitata mente, ad Urbino. Mercoledì 10 ottobre verrà presentato un libro della Stella. È un’occasione un poco speciale: quel libro è nato grazie all’amorevole collaborazione di tante persone, in primo luogo gli antichi e per sempre sconosciuti

Autori. Più recentemente hanno fattivamente collaborato affinché il libro vedesse la luce la Fondazione ARBOR, la Stella e l’Università di Urbino. Così è nata l’idea di fare come una piccola festa: riunire tutte quelle persone -a parte gli Autori dei quali rispettiamo il riserbo- e presentare il libro al dotto pubblico. Sarà presente, seppure per un breve saluto, il magnifico Rettore, prof. Stefano Pivato, e poi il decano della facoltà di Sociologia, professor Luigi Alfieri, Jiso Forzani e Kamada Shoki che appositamente giungeranno da Paris, la scrittrice Patrizia Gioia in arrivo da Milano, il neo prof. Gennaro Iorio da Bologna ed il sottoscritto. Hanno già annunciato la loro presenza le genti del gruppo zazen di Livorno, del gruppo di Torino e del gruppo di Fano. E tanti altri.
Siete invitati, a partecipare e a far conoscere l’evento.
E chi non sarà quel dì all’urbinata festa, dovrà dir sospirando: “io non c’era!”…