dicembre 2011


Puntuale come ogni anno (beato lui che ce la fa, io sono in ritardo di un paio di anni) Doc ci fa giungere gli auguri più graditi, quelli di Buddazot.

Ne approfitto per fare a tutti i nostri affezionati lettori i migliori auguri di tutto il team tecnico della Stella del Mattino, ovvero miei, del webmaster, di Pierinux, di Mym ecc.
Px


E’ uscito il numero di Natale di Buddazot, splendente come sempre, grazie a Doc. Data l’eccezionalità dell’evento sarebbe riduttivo dargli un numero, ma visto che da un po’ di tempo sappiamo contare, questo cronologicamente è il 19°.

In questi giorni, mentre una strana agitazione pare contagiare i più portandoli, tra l’altro, ad accendere lucine

colorate un po’ dappertutto, DHR ha invece tempo da dedicare a legger libri quieti e a raccontarceli. Questa volta si tratta di Omelie delle feste del SignoreTempo ordinario, di don Giuseppe Dossetti. Vi offriamo la sua recensione, ringraziandolo per la cortesia.

Luce da luce

Un libro che si apre con un lampo di luce e si chiude nella luce ineffabile.
Sarà un caso, ma sono proprio questi i temi della prima e della ultima predica di don Giuseppe Dossetti contenute nella raccolta Omelie delle feste del SignoreTempo ordinario appena pubblicate dalle Paoline. La prima, risalente alla solennità

(altro…)

Mentre qui, noi -chi più chi meno- lasciamo scorrere tante parole non sempre ben meditate, nel silenzio e nell’anonimato c’è chi alimenta le caldaie che fanno navigare il nostro sito tra i primi del web nel “genere” buddista, e non solo in Italia.
La pagina Testi buddisti antichi molto anonimamente introduce ad una

galassia in continua espansione. Oltre a fornire il link con tutti i testi del canone pali in lingua originale, completi di traslitterazione, vi trovate la traduzione di tutte le migliaia di opere del Tipitaka e di quasi tutti i testi del “canone mahayana”, sia indiani che cinesi che giapponesi. E l’intero Tipitaka in coreano. In particolare, le pagine che contengono i testi della scuola Madhyamaka e della scuola Yogacara sono veramente a livelli mondiali. L’Autore di tanta meraviglia, occorre dirlo, non è arrivato ora tra questi lidi. È il più anziano praticante della Stella: era già lì seduto, quando sono arrivati gli altri. Non penso me ne voglia se rivelo che è detto “il Senatore” e che non si riesce a stanarlo neppure con… le lusinghe più sottili.
Grazie cdm!