aprile 2011


Dopo la pausa invernale a poco a poco viene alla luce il tempo passato, sottoforma del ricordo dei libri letti nella quiete dell’inverno. Ora, tra i tanti fiori umidi di questa lunga primavera anche le recensioni fioriscono.
Questa volta DHR ci invita a rileggere un teologo

laico, quasi spiandone gli ultimi istanti di vita prima del supplizio: Tommaso Moro. Raro caso in cui qualcuno è venerato come santo sia dalla chiesa cattolica sia da quella anglicana. Rispetto alle sue capacità di teologo o alle vette di santità, Thomas More è forse più famoso per aver introdotto nel linguaggio mondiale il termine utopia con cui battezzò un’immaginaria isola dotata di una società ideale, che descrisse nella sua opera più famosa, L’Utopia appunto, pubblicata nel 1516.
Thomas More, Gesù al Getsemani, Ed. Paoline, 2011.
PS: a mia parziale discolpa, il titolo del post è quello indicato da DHR, 😉

Nell’ambito del progetto Lo Spirito della parola, venerdi 29 aprile, ore 20.45 al Teatro Filodrammatici, a fianco all’ingresso della Scala di Milano, prima assoluta de IL BANCHIERE DI DIO.
Con Corrado Accordino, Alessia Vicari, Alessandro Conte. Musiche dal vivo di Paolo Pasqualin. Assistente alla regia Valentina Paiano, responsabile di produzione Patrizia Gioia. Regia

di Corrado Accordino.
La produzione è stata possibile grazie a Fondazione Arbor, La Danza Immobile, SpazioStudio.
Protagonista della storia è Muhammad Yunus, premio Nobel per la pace, ideatore e realizzatore del microcredito, un sistema di piccoli prestiti destinati ai più poveri tra i poveri, coloro che non possono accedere ai crediti dei circuiti bancari tradizionali per la loro condizione di miseria. E’ una storia senza retorica, pratica, reale, concreta come la povertà e la paura.
Lo spettacolo si replicherà sabato 30 aprile ore 20.45 e domenica 1 maggio ore 16.
Ingresso gratuito.
Via Filodrammatici 1, ingresso Piazzetta Paolo Ferrari 6, Milano
infoteatrofilodrammatici.com
infospaziostudio.net

Il nostro recensore ufficiale (nel senso che le recensioni le fa lui quando il libro l’ha letto lui… ) ci presenta una scheda su un libro che è un ossimoro: parla del silenzio. Insomma, la recensione parla di un libro che parla del silenzio e io qui parlo di una recensione…

Questo caso mi ricorda la storia dei tre eremiti votati al silenzio. Quando gli eremiti erano ancora due arrivò il terzo che dopo qualche anno chiese: “Da quanto tempo siete qui?”. Passati alcuni anni uno dei due rispose: “Son qui da dieci anni”. Al che il terzo sbottò: “Se avessi saputo che qui c’era tutto ‘sto baccano non ci sarei venuto!”.
Il recensore, vulgo JJ, con il suo stile tranquillo ci accompagna a visitare il testo, senza disturbare.
Sabino Chiala, Silenzi. Ombre e luci del tacere,Qiqajon, Bose 2011.

Dopo lunga gestazione è nato. Grazie alla Fondazione ARBOR in qualità di levatrice ed alle attente cure della Marietti, è giunta in libreria la traduzione commentata del Sutra del diamante. Oltre ad essere la prima traduzione italiana realizzata direttamente dal sanscrito accompagnata da un dettagliato commento, questa edizione comprende un saggio

filosofico che esplora il filo linguistico della mistica occidentale a partire dalle sue origini, sino a realizzare un parallelo riguardo alla funzionalità espressiva dell’anima orientale e dell’anima occidentale della mistica.
La Stella del Mattino ha dato un contributo affinché la pubblicazione fosse possibile, per questo dispone di un certo numero di copie grazie alle quali potrebbe rientrare, almeno in parte, di quel contributo.
Se desiderate una o più copie del Diamante e volete aiutare ad esaurire quelle in possesso della Stella, potete scrivere a Paolo Sacchi all’indirizzo sacchidoc45chiocciolalibero.it e riceverete le istruzioni per far sì che il libro sia comodamente recapitato a casa vostra.

Il sutra del diamante, la cerca del paradiso, a c. di Mauricio Y. Marassi, con un saggio filosofico di Gennaro Iorio, Marietti, Genova-Milano 2011.
Pagg. 245, € 26.