ottobre 2006


(tratto da Avvenire, 25 ottobre 2006)

«Il sistema periodico» (1975) di Primo Levi è stato proclamato il miglior libro scientifico di tutti i tempi. L’opera dello scrittore torinese, che utilizza i vari elementi chimici come spunto per raccontare la formazione morale e civile di un giovane ebreo nell’Italia di Mussolini, ha prevalso su autori come Richard Dawkins, James Watson – lo scopritore del Dna – o Tom Stoppard.

Il libro di Primo Levi è stato votato durante un evento organizzato a Londra dalla Royal Institution. «Il sistema periodico» ha sconfitto anche, tra gli altri, «L’anello di re Salomone» di Konrad Lorenz, «La vita di Galileo» di Bertolt Brecht, «Il viaggio del Beagle» di Charles Darwin, «Tabula rasa» di Steven Pinker e «Su una gamba sola» di Oliver Sacks.

I ravanelli di Joshu

Joshu sta raccogliendo ravanelli nell’orto.

D’un tratto si alza e li mostra

in modo che tutti li vedano.

Come sono incrostati di terra che sbriciola !

Cominciai a praticare

credendo fosse come

lucidare una bella mela con le mani.

Mi scopro a raspare la terra

per cercare dove sono sepolto.

(Liberamente tratta da “Blue Cliff” by Richard von Sturmer)

s.c.

25 10 06 h. 09,23

Dalla protesta alla proposta: una cartolina dal Pianeta del Buon Senso!
27-29 ottobre a Colorno

da http://eventi.parma.it

Intervenire a favore dell’ambiente non solo è necessario, ma anche conveniente! Decine di amministrazioni comunali, movimenti, gruppi di acquisto, distretti di economia solidale, banche del tempo, bottegai equi e solidali, agricoltori bio, famiglie e singoli cittadini stanno di fatto costruendo dal basso, giorno dopo giorno, un’economia della sobrietà e della decrescita, basata sul rispetto dei diritti dei lavoratori, sulla democrazia e l’accesso all’informazione per tutti, sulla tutela dell’ambiente, sulla condivisione.

Il festival è l’occasione per presentare le migliori sperimentazioni e idee portati avanti da sindaci e assessori del buon vivere, filosofi e operai, manovali della concretezza quotidiana. Per un confronto a tutto campo su grandi opere, progetti ed esperienze!

(altro…)

Carlo VIII

Questa è una miniatura tratta dal Libro d’ore di Carlo VIII re di Francia (fine XV secolo). Con un gioco di parole in inglese, ci piacerebbe intitolarla “In-Carnation”.

La scena è nota, e ricorrente in tutta l’arte medievale con gli stessi elementi di base: il Calvario, dove il Cristo crocifisso è pianto dalla madre Maria e da san Giovanni, una di qua, l’altro di là. Eppure, ognuna delle migliaia di miniature su questo soggetto, realizzate lungo i secoli da uomini di spirito, contiene qualcosa di peculiare, che a volte necessita di un certo acume per essere individuato.

Il nostro caso è forse uno dei più interessanti. Chi è infatti il personaggio che piange, o si nasconde, sulla destra? Quello tutto bianco, compreso il volto?

(altro…)

Buddazot 5

Nella rubrica Retropensieri è uscito il numero di ottobre del fumetto Buddazot, di Paolo Sacchi.

Come i numeri precedenti anche questo è comodamente scaricabile in formato PDF.

In libreria da giovedì 19 ottobre

I fiori del vuoto

La parola filosofia abita in Occidente da non meno di 2500 anni, mentre ha compiuto appena i 130 nella sua forma ideografica giapponese. Il pensiero orientale, e quello giapponese in particolare, ha titolo per essere definito «filosofico», privo com’è della matrice greca, da taluni ritenuta imprescindibile? O forse è più problematico non parlare di filosofia che trattarne (col dovuto discernimento) in presenza di un pensiero di innegabile profondità di analisi, complessità sistematica, ricchezza epistemologica?Partendo da queste domande non retoriche il libro si propone di trattare alcuni momenti fondamentali della storia del pensiero giapponese, dai suoi albori in forma scritta ai giorni nostri, come tappe di un’evoluzione culturale. Non è dunque un manuale di storia della filosofia giapponese, né solo un compendio delle visioni filosofiche dei pensatori giapponesi antichi e moderni, ma piuttosto una passeggiata filosofica attraverso il Giappone. Il cui scopo non è solo la visita di alcuni luoghi di un pensiero lontano e prossimo a un tempo: ma anche scandagliare l’ipotesi se da questa prossima diversità non possa venire uno stimolo a rivisitar noi stessi, guardando i problemi di sempre con occhi diversi. Il libro percorre le tappe, che l’autore considera più significative e che l’indice scandisce, della particolarità del pensiero filosofico giapponese, per fornire al lettore elementi di conoscenza di una forma mentis tanto diversa dalla «nostra», riflettendo di pari passo se la ricerca filosofica possa essere strumento di dialogo fra le diversità o sia invece elemento di alienazione fra le identità.

* l’autore
Giuseppe Jiso Forzani (Genova 1949) ha studiato filosofia all’Università di Genova. Monaco buddista zen, ha vissuto otto anni in monastero in Giappone. Fra le pubblicazioni, ha curato l’edizione dal giapponese di vari testi di Eihei Do¯gen (1200-1253) fra cui Il cammino religioso (Bendo wa), Marietti 1990; Divenire l’essere (Genjo koan), EDB 1997; La cucina scuola della via (Tenzo Kyo kun), EDB 1998; Bussho – La natura Autentica, EDB 1999. Ha curato la voce «Filosofia giapponese» per l’Enciclopedia filosofica Bompiani.

Il libro si può acquistare online dal sito della casa editrice (Bollati Boringhieri) senza spese aggiuntive.

4 ottobre giapponese

IsIAO Emilia-Romagna
Istituto Italiano per l’Africa e l’Oriente

Ravenna, Faenza, Lugo, Bagnacavallo
3 Ottobre – 12 Novembre 2006

Per aggiornamenti, approfondimenti in tempo reale e variazioni del programma:
www.isiaora.it • www.ascig.it • segreteria@isiaora.itinfo@ascig.it

Per scaricare la locandina cliccate qui, oppure leggete online il programma nel resto di questo post.

(altro…)

Pagina successiva »